L'Attività del Priorato - Priorato delle Confarternite per la Diocesi di Acqui

Vai ai contenuti

Menu principale:

L'Attività del Priorato

Il Priorato

Le attività del Priorato per le confraternite della diocesi di Acqui, presieduto dal Direttore dell’Ufficio per le Confraternite, consistono nel mantenere unite le Confraternite, osservando che esse conservino lo spirito loro proprio, nel rispetto dello Statuto, e promuovano le attività di culto e le altre opere spirituali e di carità cristiana in un’ottica di collaborazione tra le confraternite ed i sacerdoti delle parrocchie e della diocesi.

Il priorato è organo di ausilio per il Vescovo e i suoi collaboratori agendo in modo da sviluppare all’interno delle confraternite i pilastri fondamentali delle loro attività:
a) Incremento del culto pubblico, preghiera e catechesi
b) Opere di Carità
c) Suffragio dei defunti

In primo luogo quindi, soprattutto in una realtà caratterizzata da una presenza sempre minore sul territorio del sacerdote, è necessario che le confraternite agiscano di concerto con i parroci
per la formazione cristiana dei loro membri e dei parrocchiani, attraverso l'educazione ad una vita cristiana pienamente inserita nella comunione della Chiesa, con vivo senso di appartenenza alla propria comunità parrocchiale, con intensa partecipazione a tutta la sua attività di evangelizzazione ed alla sua vita liturgica. Se da una parte i Confratelli hanno il diritto di avere dai loro Pastori cura e attenzione per la loro vita spirituale e per la loro vita spirituale e per il raggiungimento dei fini della loro aggregazione laicale, essi debbono dal canto loro essere esemplari nel favorire tutto ciò che riguarda il benessere della comunità ecclesiale alla quale appartengono. Per quanto attiene alle partecipazioni alle Processioni, quali espressione e testimonianza di fede, ed altresì come forma popolare di catechesi, Il Priorato deve vigilare sullo svolgimento delle sulla religiosità delle stesse che non dovrebbe mai essere prevaricata dal folklore locale.

In secondo luogo dovrebbe essere stimolata la pratica della carità tra i confratelli e verso il prossimo, curando anche di sostenere le nuove forme di esercizio della carità. La presenza della confraternita è soprattutto preziosa in quelle Parrocchie, talvolta anche assai piccole, dove essa è l'unica forma di vita associativa cristiana. In terzo luogo, nello spirito originario di appartenenza ad una confraternita, i confratelli devono osservare la partecipazione alla Santa Messa di suffragio in occasione della morte di un Confratello e, quando possibile, di un parrocchiano.

Il priorato fornisce inoltre un servizio in tutte le problematiche giuridico amministrative legate al possesso della personalità giuridica, alla costituzione di nuove confraternite, alle riattivazione di confraternite “quiescenti”.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu